L’accettazione è il negozio per mezzo del quale l’erede acquista il diritto all’eredità con effetto dal giorno dell’apertura della successione. Per accettare è necessaria la capacità di agire, gli incapaci devono quindi essere assistiti o rappresentati.

Vi sono più tipologie di accettazione di eredità

Accettazione di eredità Espressa

In un atto pubblico o in una scrittura privata la persona interessata assume il titolo di erede o dichiara di accettare l’eredità (ad es. in una dichiarazione notarile).

Accettazione di eredità Tacita

Il chiamato all’eredità compie atti che presuppongono la sua volontà di accettare e che solo un erede avrebbe il diritto di compiere, ad es. alienazione di cose di pertinenza dell’eredità o sottrazione di beni ereditari.

In entrambe le ipotesi si produce al momento dell’accettazione la confusione tra il patrimonio del defunto e quello dell’erede; l’erede risponde così dei debiti e dei legati ereditari anche se superano l’asse ereditario.

L’accettazione dell’eredità non può essere legata a condizioni o termini, ed essa è irrevocabile. Un’accettazione parziale dell’eredità non è possibile.

Accettazione di eredità Con beneficio d’inventario

Avviene mediante dichiarazione ricevuta da un notaio o dal cancelliere del tribunale. Con questo tipo di accettazione l’erede impedisce la confusione tra il suo patrimonio e quello del de cuius, eredità e patrimonio dell’erede restano separati, cosicché i debiti ereditari devono essere pagati solo entro il limite del valore dei beni patrimoniali ereditati. Rappresenta la soluzione migliore nel caso in cui non si conosca con esattezza l’ammontare dei debiti ereditari.

E’ la forma di accettazione obbligatoria per gli incapaci, i minorenni e le persone giuridiche.